O SI APPROVA PRIMA POSSIBILE IL BILANCIO O SI RISCHIA LA PARALISI

L’approvazione, secondo legge regionale, deve avvenire al massimo entro il 30 aprile altrimenti si potrebbe arrivare di fatto a uno scenario finora inedito ma disastroso per il Lazio: il blocco totale delle spese. Il presidente Nicola Zingaretti ribadisce ormai da settimane  quanto sia necessario “disinnescare” questa manovra composta da circa 100 milioni di nuove tasse. Qualcuna, con tutta probabilità, resterà, qualcun’altra verrà eliminata. L’assessore Alessandra Sartore dal giorno del suo insediamento è alle prese con i conti della Regione. Da quel poco che si riesce a carpire agli addetti ai lavorio  bilancio conterrà un corposo pacchetto sui costi della politica. Annunciata proprio ieri dallo stesso Zingaretti la chiusura dell’Asp, l’agenzia di sanità pubblica che, nell’ultimo periodo, aveva subito una forte riorganizzazione con promozioni e spostamenti di dirigenti.