MANIFESTAZIONE DI SINDACI A ROMA GIOVEDI’ 18 APRILE 2013

L’ANPC, attraverso un documento ha voluto ribadire le richieste dirette al Parlamento e al nuovo Capo dello Stato:

1- Autonomia generale e libera scelta nell’organizzazione dell’Ente Locale. Libera partecipazione nella gestione associata delle funzioni tenendo conto solo dei tre principi fondamentali (Efficienza, efficacia ed economicità) nel rispetto dei costi standard; Eliminazione dei tagli lineari previsti a partire del 2013, con l’impegno a rivedere complessivamente l’ammontare e le modalità dei tagli secondo il procedimento dei fabbisogni standard ed efficienza della spesa.

2. ESCLUSIONE DEI COMUNI fino a 5.000 abitanti dal PATTO DI STABILITA’. A fronte di un risparmio dello 0,2%, che si otterrebbe dall’applicazione del patto a tali Enti, si creerebbe un blocco generale degli investimenti nei piccoli comuni che inciderebbe negativamente sul PIL in maniera maggiore rispetto al risparmio che si otterrebbe. Per il PATTO DI STABILITA’ l’ultimazione delle opere già in corso e la realizzazione di qualsiasi opera pubblica o di manutenzione del patrimonio sarà resa impossibile. Le attività economiche e l’ imprenditoria medio-piccola moriranno.

3. IMU ridotta ed assegnata integralmente ai Comuni, attribuendo ampia possibilità di calibrarla per ragioni di equità, secondo il principio di progressività, tenendo conto che, spesso, nei Piccoli Comuni la seconda casa è quella ereditata.

4. Centralità del ruolo dei piccoli comuni (artefici della storia millenaria del nostro Paese) per lo sviluppo economico ed infrastrutturale, stabilizzando specifiche politiche pubbliche nei settori strategici e tenendo conto dei principi di coesione sociale per le aree più svantaggiate del Paese, attraverso il mantenimento e potenziamento dei servizi in loco con particolare riferimento a scuole, servizi postali e di telefonia pubblica, sanità, viabilità, trasporti

5. Riordino normativo – fiscale, semplificazione amministrativa e contabile.

6. Abolizione della TARES che genera solo costi esorbitanti alle attività produttive già gravemente compromesse nella loro stabilità dalla congiuntura economica e ripristino della TARSU gestita in piena autonomia dai Comuni. Tematiche queste, che secondo l’associazione, devono essere affrontare per valorizzare il ruolo e la valenza dei piccoli comuni italiani.