RIVENDEVA LE SOSTANZE DOPANTI, ACQUISTATE ALL’ESTERO, VICINO AD UNA PALESTRA ROMANA