QUESTIONE “BOLLETTE DELL’ACQUA”: IL TAR DI LATINA ACCOGLIE IL RICORSO DEL COMUNE