SAN LORENZO E PIGNETO: 17 ARRESTI

Il bilancio degli ultimi 10 giorni di servizi preventivi, svolti da militari in abiti civili e in divisa, hanno portato all’arresto di 17 pusher: tra questi, 16 sono cittadini stranieri – provenienti da Tunisia, Mali, Gambia, Guinea, Bulgaria e Afghanistan – ed uno italiano. Nel corso delle attività sono stati complessivamente sequestrati 30 grammi di eroina e circa 300 grammi di marijuana. Parallelamente all’attività antidroga, i Carabinieri della Compagnia Roma piazza Dante hanno eseguito verifiche alle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale, negli esercizi commerciali e alla circolazione stradale. In particolare, nel corso dei controlli delle persone che frequentano il quartiere Pigneto, sono stati rintracciati 2 italiani destinatari di misure cautelari per reati contro il patrimonio e inerenti gli stupefacenti, altre 2 persone – già sottoposte agli arresti domiciliari – sono state scoperte fuori dai rispettivi domicili e arrestate per evasione mentre un italiano residente a San Lorenzo, sottoposto alla sorveglianza speciale, è stato arrestato per la violazione agli obblighi imposti dalla misura di sicurezza dopo essere stato trovato in strada fuori dall’orario consentito. Significativa anche l’attività di controllo svolta nei locali che vendono bevande alcoliche per verificare il rispetto della normativa vigente. Sotto la lente dei militari, in particolare, la vendita di alcolici oltre la mezzanotte, in orario non consentito. È il fenomeno dei cosiddetti “bengalini”, largamente diffuso nel quartiere San Lorenzo, locali ufficialmente di generi alimentari che vendono alcolici a basso costo anche fuori degli orari previsti. La Prefettura di Roma, sulla scorta delle proposte avanzate dai Carabinieri della Stazione Roma San Lorenzo che avevano riscontrato reiterate violazioni, ha già emesso, da Natale ad , 4 decreti di chiusura, ognuno della durata di 15 giorni, nei confronti di alcuni locali di via dei Sabelli e via degli Ausoni. L’ultimo è stato notificato ieri in via degli Etruschi. La stessa attività prosegue anche al Pigneto, dove tre locali sono stati multati per lo stesso tipo di violazione. E’ stata già inoltrata agli organi competenti la proposta di chiusura nei loro confronti.