OCCUPANTI DELLA TRILUSSA: SGOMBERATI DALLE FORZE DELL’ORDINE

Gli altri, già usciti, ci raccontano quei momenti. E’ tanta la rabbia di questi lavoratori che ci dicono di essere stati trattati come dei criminali quando stavano cercando semplicemente di difendere il loro posto di lavoro.  Le due signore che abbiamo incontrato al pronto soccorso della Clinica Sant’Anna di Pomezia, sono in uno stato di incredulo spavento per quanto accaduto. L’ingresso improvviso dei Poliziotti, il loro tentativo di scappare sul tetto e la paura scaturita da quello che loro stesse hanno definito un eccessivo dispiegamento di forze per un gruppo di innocue cinquantenni. Inoltre, al momento, non sembrano ancora esserci conferme della prororoga ad un mese per i loro contratti, proroga di cui tanto si è parlato ieri ma che, come ci hanno detto i lavoratori stessi, serve solo a darci un po’ di tempo in più ma non risolve di certo la nostra situazione