ROMA, ANTIDROGA: CONTROLLI IDENTIFICANO QUASI 500 PERSONE

Sempre sotto controllo l’area del parco del Colle Oppio, dove gli agenti hanno nuovamente rinvenuto e sequestrato hashish e marijuana, per un peso complessivo di circa un chilo e mezzo. Arrestato inoltre un cittadino di origine africana ed un altro denunciato per il reato di spaccio di sostanza stupefacente, essendo stati trovati in possesso di circa 80 grammi di droga. In viale Carlo Felice è stato effettuato un servizio finalizzato all’attività di contrasto all’abusivismo commerciale, nel corso del quale sono state elevate 10 sanzioni amministrative per l’esercizio di attività di commercio al dettaglio su area pubblica senza la prescritta autorizzazione del Sindaco, per un totale di sanzioni ammontante a circa 56.000 euro. I frequenti servizi effettuati negli ultimi tempi hanno permesso di diminuire sensibilmente la presenza di cittadini stranieri che sono soliti allestire un vero e proprio mercato abusivo. Sono stati, altresì, controllati 20 esercizi commerciali con licenza di vendita nel settore alimentare e non alimentare dove sono state elevate alcune sanzioni amministrative per la vendita di alcolici dopo l’orario consentito, la vendita di prodotti di importazione privi delle obbligatorie indicazioni in lingua italiana e per l’utilizzo di strumenti per la pesa degli alimenti privi della obbligatoria revisione periodica per un importo complessivo di 14.000 euro. Presso una struttura ricettiva sono state riscontrate numerose irregolarità relative alla presenza di un numero di posti letto maggiore rispetto a quelli previsti nella licenza. Sanzionato il titolare per un importo di 3000,00 euro. Inoltre, a seguito delle segnalazioni ricevute, sono stati controllati 7 appartamenti affittati abusivamente dove erano state allestite delle strutture ricettive di affittacamere prive di qualsiasi autorizzazione. A carico dei conduttori sono state elevate sanzioni per un importo di circa 19.000 euro e per una di queste attività abusive è stato richiesto al Questore l’emissione di un provvedimento di chiusura a seguito delle gravi carenze igieniche e di sicurezza riscontrate. Presso una gioielleria della zona, inoltre, dove non è stata trovata all’interno la persona preposta, autorizzata in licenza, è stato richiesto un provvedimento di sospensione dell’attività. Gli uomini del Commissariato, inoltre, hanno intensificato i controlli delle persone sottoposte a misure di detenzione alternative della zona, permettendo così di notificare un provvedimento di avviso orale del Questore e di trarre in arresto un cittadino di nazionalità marocchina resosi responsabile del reato di evasione.