ROMA, TERMINA A PORTA PIA MANIFESTAZIONE DEI MOVIMENTI PER LA CASA

I manifestanti che indossavano casacche azzurre e caschi neri hanno poi tentato di sfondare il cordone di polizia messo a difesa del ministero con un fitto lancio di petardi e fumogeni. A questo punto le Forze dell’Ordine hanno risposto con alcune cariche di alleggerimento che hanno permesso di far rientrare i facinorosi nel resto del corteo. Dopo questo episodio il corteo è ripreso regolarmente, senza far registrare altre particolari criticità. Sei manifestanti sono stati fermati nella circostanza e la loro posizione è ora al vaglio degli inquirenti. Inoltre, durante il tentativo di sfondamento dello schieramento posto a protezione del palazzo del Ministero del Lavoro, 14 appartenenti alle Forze di Polizia, di cui 2 Funzionari, alcuni Agenti e Carabinieri, sono rimasti feriti per ustioni provocate dai petardi e per i colpi ricevuti. Tra i manifestanti sette i feriti tra, uno dei quali ha riportato gravi lesioni ad una mano a causa dello scoppio di un petardo. Qualche ora prima dell’inizio della manifestazione, nel corso dei servizi preventivi predisposti, la Polizia aveva fermato in piazzale del Verano, per un controllo, un gruppo di persone trovate in possesso di manici di piccone, caschi, parastinchi, passamontagna, mascherine antismog, ricetrasmittenti, bombe carta, fumogeni e petardi completi di mortaio artigianale per il lancio a distanza. I fermati, identificati, saranno denunciati all’Autorità Giudiziaria.