ARDEA, IL MIO CANTO LIBERO ORGANIZZA LA TERZA FESTA DELLA TRANSUMANZA

La ricorrenza è stata organizzata per ricordare tutte quelle famiglie di Gorga che fino al 1968 si occupavano di pastorizia. La loro vita era scandita dagli spostamenti stagionali delle greggi (transumanze), dalla tosatura, dalla produzione dei formaggi, dalla semina e dai raccolti. Molte famiglie partivano col bestiame e venivano sul territorio – nel Bosco del Buglione – giungendo a settembre e ripartendo a maggio. La manifestazione è iniziata con una messa cantata dal Coro degli adulti dell’associazione “Il mio canto libero” diretto e accompagnato al pianoforte dal maestro Sonia Sette ed anche dalla chitarra di Elisa Sette presso la Chiesa “Assunzione della Beata Vergine Maria” sulla via Litoranea di Lido dei Pini. Il programma era composto da vari canti liturgici, due dei quali sono stati cantati dalla giovane soprano Valentina Tommasino e precisamente “Caro mio ben” del musicista Giordani e ”Panis Angelicus” di C. Franck. Alla fine della celebrazione della Santa Messa il Coro giovanile dell’Associazione ha allietato i fedeli con tre brani di accoglienza. Successivamente c’è stato un percorso nel Bosco del Buglione dove sono state scoperte le quattro pietre prelevate dai monti della Gorga con impressa una targa a memoria dei trascorsi delle famiglie gorgane alla presenza del sindaco di Ardea, Luca Di Fiori, e del sacerdote che ha celebrato la Messa, Don Andrea Conocchia, che ha benedetto il luogo.