NETTUNO, CHIAVETTTA SI SCUSA PER I RITARDI DI PIAZZALE BERLINGUER

Secondo il sindaco, l’ultimo consiglio comunale è stato decisamente sopra le righe: “Non posso scendere sul piano di una opposizione che non intende chiaramente preoccuparsi di problemi reali della città ma che in controtendenza al tentativo di un’Italia che tenta di risolvere le lungaggini burocratiche, non sa fare altro che allungare e ingrandire i tanti passaggi burocratici che un tale progetto comporta. In questa assise ci sono persone che prima di me hanno parlato di progetti rivoluzionari per la città, il tutto per vincere elezioni e iniziare una carriera politica che va avanti da oltre 30 anni. Peccato però che l’impegno e la responsabilità a realizzare poi questi progetti non se la sia presa mai nessuno. Noi abbiamo voluto e io in prima persona mi sono preso l’impegno e la responsabilità di realizzare questo progetto che rivoluzionerà il centro della nostra città portando nuova linfa a tanti settori, soprattutto a quello turistico e commerciale. Ci sono stati problemi, sono stati fatti dei piccoli errori, ma soltanto chi parla e non fa nulla non sbaglia mai. Mi scuso, mi scuso con i cittadini per tutti i problemi che tale cantiere ha creato, ma siamo giunti quasi al termine dei disagi necessari per raggiungere tale importante traguardo”. Un Consiglio convocato su una proposta di delibera che alla fine, il Capogruppo del PD, Nicola Burrini, scardina in modo imbarazzante: “Non voglio fare polemica, ma come noi ci assumiamo le nostre responsabilità, e a tal riguardo le parole di scusa del nostro Sindaco sono la prova dello spessore del nostro primo cittadino, anche l’opposizione si renda conto di aver compiuto un grande errore oggi presentando una proposta di delibera che non poteva essere presentata e ha tentato di emendare in corso d’ opera. Tutto ciò denota scarsa conoscenza del Diritto Amministrativo dimostrando l’ assenza di una volontà di tutelare l’interesse dei cittadini”.