LATINA, TRE CONDANNE E UN RINVIO A GIUDIZIO PER IL CASO MORICHINI

Due le persone che hanno patteggiato, tra le quali il fratello della vittima in quanto titolare della ditta di famiglia, una condanna con rito abbreviato e un rinvio a giudizio. Si è chiusa così l’udienza preliminare per la morte dell’uomo di Sezze rimasto schiacciato il 6 marzo 2012 dai venti quintali di una cassa in metallo durante le operazioni di scarico al porto di Ravenna. Il fratello, titolare della Ediltecnolatina srl, ha patteggiato a otto mesi. Sono 14 i mesi patteggiati invece da un carrellista della cooperativa di facchinaggio Cofari. Condanna a otto mesi in abbreviato per il delegato di area della Bunge Italia Spa, nel cui piazzale si verificò il terribile incidente. A giudizio è andato un caposquadra della Cofari, un ravennate di 53 anni.