POMEZIA, ARRIVA IN PARLAMENTO LA QUESTIONE MENSA

Di seguito riportiamo le sue dichiarazioni: “Le peggiori avvisaglie di un regime populista sono le politiche discriminatorie all’interno delle scuole. Accade ad esempio che a Pomezia, la Giunta comunale targata Movimento 5 Stelle metta in atto un’odiosa discriminazione in base al censo, nelle mense delle scuole primarie e dell’infanzia, concedendo il dolce a fine pasto solo a quei bambini le cui famiglie possono permettersi di pagare un bonus extra. Nonostante il messaggio ’grillino’ su una presunta salvaguardia delle fasce più colpite dalla crisi economica, l’amministrazione del Sindaco Fabio Fucci si sta dimostrando una degna discepola della peggiore destra elitaria, andando a colpire il nervo più debole della società cittadina: i suoi bambini. Creare alunni di serie A e di serie B in base alla disponibilità economica delle famiglie, con tutti gli effetti che ne conseguono sulla vita del bambino nel contesto scolastico e in palese conflitto con la promozione dello sviluppo sociale e personale dell’alunno, è assolutamente inaccettabile. D’altra parte è noto come il discorso politico demagogico, laddove non esistono proposte concrete e una visione costruttiva della società, abbia come unici strumenti la discriminazione e l’emarginazione dei più deboli. La salute e il benessere psico-sociale dei bambini – prosegue la parlamentare di Sel – non possono essere messi in discussione, anche di fronte alle difficoltà finanziarie che tutti i comuni italiani si trovano ogni giorno ad affrontare. Proprio in questa direzione ho presentato assieme alla collega Chiara Scuvera (PD) una proposta di legge per garantire l’eguaglianza nell’accesso dei minori ai servizi di mensa scolastica. Pensare di risolvere problemi di cassa a discapito della tenuta sociale democratica di una comunità – conclude la Piazzoni – è il primo passo verso una temibile, e questa volta reale, suddivisione in ’caste’ della società”.