REGIONE, ACQUA: ZINGARETTI ESERCITA LA VOLONTA’ ESPRESSA DAI CITTADINI

Nello specifico, saranno ora gli organi competenti interpellati che dovranno chiarire se la legge travalica i compiti preposti alle regioni per la gestione del sistema idrico.
Intanto pero è importante ricordare che la legge dello scorso marzo, è stata approvata dal Consiglio regionale all’unanimità, anche accogliendo la volontà dei milioni di cittadini e cittadine che nel Lazio e in tutto il Paese si sono espressi attraverso i Referendum sull’acqua. Le regioni, come previsto dal capitolo V, hanno autonomia legislativa su temi specifici, ed è su questo principio di autonomia che si è legiferato su una tematica importante e vitale come l’acqua pubblica”.