OSTIA, UN MAROCCHINO RAPINA UN TUNISINO SUL LUNGOMARE

Il malvivente, ancora visibile in lontananza, è così stato inseguito dagli agenti, che lo hanno bloccato dopo un breve inseguimento lungo un canale, durante il quale l’uomo avrebbe fatto cadere qualcosa nell’acqua, che però non è stato possibile recuperare. Una volta fermato D.Y., 30enne marocchino, è stato arrestato per rapina aggravata. Risale invece alla tarda serata di ieri la denuncia in stato di libertà di un giovane che coltivava in casa piante di marijuana, per le quali aveva allestito una serra all’interno di un armadio, con tanto di lampada alogena utilizzata ad hoc. I poliziotti hanno perquisito la sua casa a seguito della querela sporta dalla sua fidanzata, nella quale la stessa denunciava di essere stata picchiata dall’uomo e di avergli sentito dire che deteneva un’arma in casa. Così gli agenti, entrati per cercare l’arma, hanno invece trovato la coltivazione di stupefacente.