ANZIO, PREVENZIONE E CONTROLLI DELLA GUARDIA COSTIERA NEL WEEK END

Per i militari in divisa bianca molto lavoro sul piano della prevenzione, con diversi inviti alla cautela a bagnanti e surfisti che sfidavano il mare nonostante la risacca e la bandiera rossa che sventolava sui pennoni degli stabilimenti balneari. Poi, il battello costiero GC B89 è dovuto intervenire per prestare assistenza nelle acque antistanti il Comune di Nettuno nei riguardi di due velisti. Sempre su Nettuno i militari sono stati allertati da una donna, straniera, che aveva smarrito in spiaggia la sua bambina di soli 3 anni. Immediata la macchina dei soccorsi si è attivata: la piccola veniva ritrovata molto più a sud del punto segnalato, per fortuna in buono stato di salute e quindi restituita alla madre. Altri soccorsi in ricerca di un 75enne di cui si erano perse le tracce sulla spiaggia: l’uomo, un po’ smarrito, si aggirava per le vie di Nettuno e, ritrovato da personale della Polizia di Stato, è stato restituito ai suoi familiari. Controlli a tutela dei bagnanti, poi,  presso stabilimenti e spiagge libere ad Anzio, dove è stata constatata l’assenza dell’assistente bagnante presso la propria postazione (uno dei due sorpreso a sistemare i lettini e sdraio), una violazione resa ancor più grave dalla presenza di condizioni meteo marine non certamente favorevoli e dalla bandiera rossa issata presso la postazione che assolutamente sconsiglia la balneazione e richiede però allo stesso tempo la massima attenzione da parte dell’assistente bagnante. In entrambi i casi quindi è stata elevata una sanzione amministrativa per la violazione dell’ordinanza di sicurezza balneare.