APRILIA, GDF OPERA SEQUESTRO DI BENI PER 30 MILIONI AD UNA FAMIGLIA DI ORIGINE CALABRESE

Si tratta di Pietro Gangemi, 71 anni, residente ad Aprilia e ai figli Giampiero, 44 anni, residente a Reggio Calabria e Sergio, 39 anni. Le responsabilità dei tre consistono in gravi delitti contro il patrimonio e la fede pubblica, reati tributari (truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, bancarotta fraudolenta, falsità in titoli di credito, dichiarazione fraudolenta mediante l’uso di fatture per operazioni inesistenti ed omessa dichiarazione). Le attività avevano permesso alla famiglia di costituire un impero: tra i beni sequestrati diversi immobili fra appartamenti, ville, uffici, negozi, oltre a terreni, scuderie, fabbricati industriali, automobili, conti correnti, quote societarie ed una casa di riposo a Roma.