MARINO, INAUGURATA A SANTA MARIA DELLE MOLE LA CASA FAMIGLIA “IL GIARDINO”

La struttura si configura come un centro psico-socio educativo che accoglie bambini in condizioni di abbandono, provenienti da famiglie multiproblematiche o comunque da situazioni di rischio per la loro crescita. Tra gli obiettivi della Casa Famiglia, quello di ricreare un ambiente di tipo familiare in grado di accogliere i bisogni psico-affettivi, fisici ed educativi dei piccoli ospiti, accompagnandoli nella crescita. Il servizio è svolto da un’equipe multidisciplinare (assistenti all’infanzia, educatori, un assistenti sociale e una psicologa). Perseguita l’autonomia dei bambini nel rispetto del loro sviluppo. Le metodologie educative si ispirano alla filosofia della pediatra ungherese Emmi Pikler che, nella sua esperienza direttiva nella casa di accoglienza di Loczy per gli orfani di guerra, ha posto in essere metodologie medico educative innovative, ponendo come principio la libera attività del bambino, il suo benessere corporale, la qualità della cura e la relazione privilegiata con l’adulto che se ne occupa. Percorso guida delle attività della Casa dei Bambini Il Giardino, anche il pensiero di della pedagogista e filosofa Maria Montessori che, fondato sulla libertà quale foriera di creatività e disciplina, identifica il bambino come essere completo, capace di sviluppare energie creative e possessore di disposizioni morali come l’amore, che l’adulto ha compresse dentro di sé rendendole inattive. A farsi carico degli oneri economici corrispondenti al servizio prestato, i Comuni di residenza dei piccoli ospiti, accolti al suo interno dietro richiesta del dipartimento Servizi Sociali. Soddisfazione per la realizzazione della struttura sul territorio del Comune di Marino e apprezzamento per l’importante funzione da essa svolta in favore dei bambini in difficoltà, è stata espressa dal sindaco Fabio Silvagni che ha assicurato vicinanza alla realtà sociale. «Un ulteriore servizio – afferma – che và ad arricchire le potenzialità del nostro territorio nel campo del sociale».