ANZIO, BARCA A MOTORE INCAGLIATA, INTERVENTO TEMPESTIVO DELLA CAPITANERIA DI PORTO

Prontamente il personale del GC B89 e della M/V Cp 859, impegnati in questo periodo nell’operazione “mare sicuro”, sotto il coordinamento della sala operativa della Guardia Costiera Anziate mollavano gli ormeggi dirigendo sul punto segnalato. Una volta sul posto, il personale della Guardia Costiera constatava preliminarmente il buono stato di salute dei diportisti e Successivamente iniziava a prestare ausilio all’unità, riuscendo a farla disincagliare ed a condurla in sicurezza su un fondale più profondo, lontano dagli scogli dove a causa delle condizioni meteo marine continuava a sbattere con il rischio che si potessero creare delle falle nello scafo. Tre delle cinque persone, tra le quali le due bambine ed il padre, originari di Trento, venivano imbarcate sulla motovedetta CP 859 che dirigeva verso il porto di Anzio mentre il gommone GC B89 restava in assistenza alle persone rimaste sull’unità, la quale veniva presa a rimorchio di un’natante a motore intanto sopraggiunto, dirigendo poi per il rientro in porto ad Anzio. L’operazione si concludeva  poco dopo con l’arrivo di tutte le unità nel porto di Anzio. Solo un brutto spavento quindi per le cinque persone a bordo del natante in avaria, la chiamata tempestiva al 1530 infatti ha permesso di attivare subito i soccorsi prima che la situazione potesse aggravarsi. La Guardia Costiera di Anzio, coglie l’occasione per ricordare che per ogni emergenza in mare è sempre attivo il numero blu per le emergenze in mare 1530, contattabile 24 ore su 24 da tutta Italia da telefono fisso e da cellulare. Ai diportisti, si raccomanda di verificare sempre le condizioni del mezzo nautico e delle relative dotazioni di sicurezza prima di avventurarsi in mare, di consultare il bollettino delle condizioni meteorologiche e soprattutto la tendenza nelle zone che interesseranno la propria rotta che deve essere ben pianificata e comunque conosciuta il più possibile, anche grazie alla pubblicazioni nautiche di riferimento, evitando di addentrarsi in zone di mare sconosciute che possono risultare insidiose per la sicurezza della navigazione.