FIUMICINO, POGGIO (FI) CRITICA SUL TEMA DELLE MULTE E CARABINIERI IN CONGEDO

Il sindaco Montino continua a fare i suoi tour elettorali e propagandistici negli istituti del Comune, senza però aver ancora risolto nemmeno uno dei mille problemi sollevati dai genitori all’inizio dell’anno scolastico. Anzi. A quelli già denunciati se n’è aggiunto un altro. Da ormai due settimane il progetto dei carabinieri in congedo, varato dalla precedente amministrazione, nella zona nord del Comune di Fiumicino sembra essere evaporato. I volontari, loro malgrado, sono stati messi in naftalina con il risultato che oggi tutti noi conosciamo. Scuole senza alcun tipo di controllo.

Mentre gli altri plessi nel nord del Comune di Fiumicino sono completamente sguarniti, ad Aranova al contrario il sindaco Montino ha pensato bene di incaricare una pattuglia di agenti della polizia locale costringendoli a multare chiunque osi avvicinarsi alla scuola elementare di via Michele Rosi. Anche perché lì i parcheggi non ci sono proprio. E le soluzioni sono due: andare a scuola a piedi o lanciare dall’auto in corsa i propri figli direttamente in classe al momento opportuno.

Mentre prima i volontari dei carabinieri riuscivano a far defluire il traffico e permettere alle famiglie di accompagnare i propri figli in classe in tutta sicurezza, grazie a un po’ di elasticità, da ormai 15 giorni questo non è più possibile. L’unico strumento è diventata la bieca repressione. E meno male che questa amministrazione si è sempre professata dalla parte delle famiglie e della città.

Diverso il caso degli altri istituti della zona nord del Comune, dove i controlli non ci sono proprio. I volontari dei carabinieri in congedo sono spariti, loro malgrado. Così come il loro utilissimo apporto: accompagnare i bambini in classe in tutta sicurezza.

E così mentre l’unica pattuglia disponibile è impegnata a fare multe, a due passi, di fronte alla scuola media di Aranova le prostitute continuano a fare i loro comodi e consumare rapporti sessuali in pieno giorno. La criminalità la fa da padrona, il territorio è continuamente preda di discariche abusive. E a pagare non è mai il criminale, ma sempre l’onesto cittadino, costretto a pagare le tasse per servizi inesistenti e a prendersi pure una multa perché osa accompagnare i propri figli a scuola. Speriamo almeno che con i soldi incassati per le multe il sindaco inizi almeno a preparare un progetto e realizzare un parcheggio ad Aranova.”