ARDEA, DI FIORI SCRIVE A MARINO PER REALIZZARE LA SCUOLA SUPERIORE

“Il Comune che rappresento, scrive Di Fiori, è una delle città a maggior crescita demografica d’Italia. Ogni anno in migliaia si trasferiscono – moltissimi da Roma – per venire a vivere qui, a tal punto che oggi il Comune ha raggiunto quota di cinquantamila residenti. Una cifra enorme per un Comune giovane – ha appena 40 anni – gestito da un numero di personale da un paese di ventimila residenti e con picchi di presenze estive che lo portano ad avere 250mila presenze al giorno durante l’estate – ha scritto Di Fiori – Con le precedenti amministrazioni provinciali avevamo raggiunto un grande risultato: avere una scuola secondaria di II grado nel Comune. I fondi c’erano, le disponibilità politiche, a prescindere dal colore dei partiti, pure. Era un passo in avanti storico per la città grazie al quale i nostri ragazzi – migliaia – non si sarebbero trovati a trasferirsi e a fare viaggi di ore per studiare. Il patto di stabilità ha legato le mani alla Provincia e non è stato sbloccato quel finanziamento. Ecco perché i ragazzi di Ardea non hanno visto avverato il loro sogno”. “Mi appello a lei, signor presidente, e alla sua sensibilità per un tema del genere per chiederle un aiuto. Lo faccio perché una città metropolitana può guardare in positivo a una Roma che sia davvero Capitale e che possa lavorare insieme a tutti gli altri territori per una crescita comune e condivisa”, ha concluso.