LAZIO, CIARLA E LA COMMISSIONE AGRICOLTURA SI PRONUNCIANO SUI DANNI DA FAUNA SELVATICA

“I danni causati dalla fauna selvatica incontrollata costituiscono per l’agricoltura del Lazio una emergenza non più rinviabile”. “Nel Lazio, i danni causati alle coltivazioni ammontano a circa 3 milioni l’anno con centinaia di aziende danneggiate” ha spiegato il Presidente della Commissione: “Ad oggi, le norme della l. 157/92 e della l.r. 17/95, che avrebbero dovuto arginare questo fenomeno, hanno fallito, sia sul piano della prevenzione e del controllo numerico che sul piano del risarcimento dei danni. Nei gridi di allarme di agricoltori e sindaci ho sentito con particolare forza sottolineare l’inadeguatezza con cui hanno operato finora tutte le istituzioni, a partire dalla Regione Lazio che, purtroppo a tutt’oggi, è stata nonostante i ripetuti proclami e impegni assunti, totalmente inadempiente. Noi quindi dovevamo intervenire nel modo più celere, e abbiamo cominciato a farlo con l’approvazione lo scorso 6 novembre di un testo ampiamente condiviso che dopo la sessione di bilancio potrebbe andare velocemente in aula. Abbiamo stabilito con poche e semplici norme che, quando le misure di prevenzione si rilevino inefficaci, deve essere attuata una efficace attività di contenimento numerico. Inoltre, abbiamo disciplinato in modo puntuale l’aspetto della prevenzione e del risarcimento dei danni sostituendo a quelle esistenti solo sulla carta una sola struttura, agile, dotata di risorse umane e finanziarie e di esperti nominati dal Consiglio, che possa consentire di attuare in breve tempo tutti quei passaggi che oggi sono oggetto di una inadempienza cronica. Accanto a tutto questo lavoro è urgente sbloccare l’utilizzazione dei fondi esistenti e garantire nel prossimo bilancio una adeguata copertura finanziaria agli strumenti che abbiamo introdotto. Questo è il prossimo lavoro che ci accingiamo a svolgere nelle prossime settimane” ha concluso Ciarla.