ARDEA, CALCIO: L’ATLETICO CONTINUA A VOLARE IN TERZA CATEGORIA

Nel girone A di Latina, le pometine sono sempre più protagoniste e, tra il Montegiordano e l’Enea Pomezia, s’aggiunge prepotentemente l’Atletico Ardea. Dopo un inizio traumatico, la squadra ha cominciato a raggranellare punti grazie alla presenza di coach Benedetti; e per continuare la sua striscia positiva alla Macchiozza di Pomezia ospita la Virtus Cisterna, allenata da Michele Mandrone, che finora non ha mai vinto.

Al fischio d’inizio, i padroni di casa partono a tamburo battente prima con Centini che, servito da Russo, costringe Colozza a una parata d’istinto. Gli ospiti rispondono al 13’ col rapido scambio tra Rosella, Madera e Abbafati, con quest’ultimo che scarica un destro, troppo debole per impensierire Pellone.

A metà tempo, arriva la grande occasione per l’Atletico con il cross di Venditti per Centini che entra in area, ma viene atterrato da Bartolomucci. Il direttore di gara non ha dubbi e, oltre ad ammonire il numero cinque cisternino, assegna il penalty alla squadra di Benedetti tra le proteste degli ospiti. Dagli undici metri, Migani con un rasoterra chirurgico alla sinistra del portiere sblocca il risultato; subito dopo l’esultanza dei padroni di casa, mister Mandrone per proteste abbandona il campo su richiesta dell’arbitro.

L’Atletico continua a creare occasioni da rete, e lo fa sempre con Centini che, ricevuta la sfera da Migani, prima la stoppa di petto, poi con un numero su Pirazzi entra in area per il suo destro, ma Colozza è attento e para senza problemi. Rispondono gli ospiti alla mezz’ora su punizione di Tomassini che punta direttamente la porta difesa da Pellone che, in due tempi, evita il pareggio.

Al 38’ i padroni di casa danno spettacolo con l’apertura di Soddu per Russo che controlla e si allontana da Pirazzi prima di servire di tacco Centini; il numero nove la stoppa col destro e, con lo stesso piede, lascia partire un pallonetto che si stampa però sulla traversa. Nello stesso minuto, Leonardo Stazi recupera la sfera e prova a crossare per Russo ma l’estremo difensore ospite lo anticipa. Nei minuti finali, l’Atletico ottiene una punizione, per un fallo su Venditti, battuta da Ciurleo. Il pallone arriva prima a Soddu che non controlla, poi allo stesso Venditti pronto a caricare il bolide ma termina fuori dallo specchio.

Nessun cambio tra le due compagini prima della ripresa, dove sono gli ospiti a partire in quarta con la triangolazione tra Rosella e Tomassini, con quest’ultimo che in area prova il destro, ma non inquadra la porta. La Virtus continua a martellare prima col tiro al volo di Abbafati parato da Pellone, poi col destro di Rosella anch’esso respinto dall’estremo difensore casalingo.

Dal 57’ l’Atletico torna alla carica su punizione di Migani, con Massaroni che di testa devia in angolo; dalla bandierina, Centini manda la sfera dalle parti di Cleva che, al volo, colpisce il palo. A metà tempo, è la volta di Siciliano che crossa al bacio per Centini in posizione regolare ma Colozza anticipa il numero nove.

Rosella viene atterrato da Di Lanno al 72’, e il direttore di gara assegna il piazzato alla Virtus, importante visto il risultato ancora in bilico. S’incarica del tiro Bartolomucci che punta direttamente alla porta ma il suo mancino termina fuori. All’82’, però, è l’Atletico a ottenere una punizione per un fallo di Morelli su Centini; Soddu carica un destro che aggira la barriera e trafigge Colozza battuto.

Negli ultimi minuti, cala il ritmo della gara e dopo cinque di recupero, si chiude il match. Un’altra vittoria importante, la terza, per la banda di Benedetti che continua a recuperare posizioni in classifica, mentre tardano, invece, ad arrivare i primi tre punti per la Virtus Cisterna.