POMEZIA, DA DIRITTO DI SUPERFICIE A DIRITTO DI PRORPIETA’: PROLUNGATI TERMINI PER PRESENTAZIONE DOMANDE

 La delibera di luglio aveva ridotto il valore venale unitario al metro quadro del 13%, portandolo a 190,34 euro/mq; quella di oggi prolunga i termini per usufruire delle agevolazioni e introduce la possibilità di rateizzare il 50% delle somme. “Le modalità di pagamento del corrispettivo per la trasformazione del diritto di superficie in diritto di piena proprietà – si legge nel documento – sono di seguito riportate:

                    in un’unica soluzione per la totalità dell’importo;

                    mediante versamento del 50% dell’importo complessivo all’accettazione del corrispettivo e il restante 50% rateizzato, per un periodo di 24 mesi fino alla somma di 15.000 euro; 36 mesi fino alla somma di 30.000 euro”. E’ specificato inoltre che “la stipula dei relativi atti di trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà avverrà solo a seguito del pagamento delle somme dovute, complessivamente versate”. Prorogati i termini per usufruire delle agevolazioni: riduzione del 50% per coloro che presentano la domanda entro il 31/3/2015 e che provvedono al pagamento della prima rata entro il 30/4/2015; riduzione del 40% per coloro che presentano la domanda entro il 31/05/2015 e che provvedono al pagamento della prima rata entro il 30/6/2015; riduzione del 30% per coloro che presentano la domanda entro il 31/08/2015 e che provvedono al pagamento della prima rata entro il 30/9/2015. “C’è stata in questi mesi un gran numero di richieste di trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà – spiega l’Assessore Veronica Filippone – e in più casi ci è stata manifestata l’esigenza di provvedere ad un pagamento dilazionato delle somme determinate. Le particolari condizioni economiche che attraversano il nostro Paese e che si riversano inevitabilmente nelle economie dei nostri concittadini, ci ha portato a prolungare i termini relativi alle agevolazioni e a introdurre la possibilità di rateizzare il 50% della somma dovuta. Con questa delibera andiamo incontro alle richieste di chi da tempo vuole vedere soddisfatte le proprie aspettative”.