POMEZIA, FUCCI RIBADISCE SFORZO PER LIBERARE ALLOGGI OCCUPATI E PROCEDERE AD ASSEGNAZIONI

“Ho ribadito loro la volontà della mia Amministrazione – spiega il Primo Cittadino – Vogliamo ristabilire la legalità nelle modalità di assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale e pubblica di proprietà comunale. Ci sono centinaia di cittadini in graduatoria che attendono di ricevere una casa popolare e a loro dobbiamo dare una risposta. Le famiglie che verranno sgomberate verranno sostenute e aiutate dal Comune, in particolar modo dove sono presenti minori e persone con disabilità”.

Il Sindaco, poi, riferendosi alle dichiarazioni di CasaPound, prosegue. “A chi cerca di speculare sulla disperazione delle persone con affermazioni che rischiano di creare una guerra tra poveri – continua il Sindaco – rispondo che l’emergenza abitativa e l’asilo politico sono due questioni ben distinte: la prima , dove si tratta di alloggi comunali, è gestita direttamente dal Comune di Pomezia; la seconda rientra in un programma ministeriale con finanziamenti europei: infatti la struttura che accoglie i rifugiati politici a Santa Palomba, individuata dalla Prefettura di Roma, non riceve finanziamenti economici da parte dell’Ente.”