LAZIO, SETTE ARRESTI PER FURTO IN APPARTAMENTO

Si tratta di una 20enne, una 21enne, una 23enne e una 26enne, tutte di origini bosniache, ospiti di campi nomadi della Capitale, arrestate in due distinti episodi, con l’accusa di tentato furto. Il primo episodio ha visto protagoniste  la 26 enne e la 20 enne, in un appartamento di via Flaminia. Le ladre avevano già forzato con dei cacciaviti la porta di ingresso di un’abitazione di una famiglia romana che si trovava in vacanza quando i vicini hanno udito i rumori e hanno chiamato al 112. Una pattuglia di Carabinieri della Stazione Roma Flaminia è subito intervenuta ed è riuscita a bloccarle prima che potessero scappare. Le altre due ladre sono entrate in azione in un appartamento in via Guido Castelnuovo, lasciato incustodito dai proprietari che si trovavano fuori Roma. Anche in questo caso, dopo aver forzato con un cacciavite la porta di ingresso sono state scoperte da una vicina che ha chiamato al 112. I Carabinieri della pattuglia mobile di zona del Nucleo Operativo della Compagnia Roma San Pietro sono immediatamente intervenuti e le hanno arrestate. Gli ultimi 3 a finire in manette sono stati un 20enne, un 24enne ed un 25enne, tutti cittadini albanesi risultati irregolari sul territorio nazionale. I ladri sono stati sorpresi dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma mentre si stavano introducendo nell’appartamento di un condominio di via Gregorio VII. Fondamentale, in questo caso, è stata la segnalazione di un altro condomino, preoccupato dai rumori provenienti dal pianerottolo. In tutti i casi i Carabinieri hanno sequestrato di arnesi da scasso e gli arrestati sono stati trattenuti in caserma in attesa del rito direttissimo.