FRASCATI, LE CELEBRAZIONI DEL 70° ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE

L’Amministrazione Comunale di Frascati celebra il 70° Anniversario del 25 Aprile 1945, Giorno della Liberazione dall’occupazione nazi-fascista e della Riunificazione d’Italia, che per la nazione divenne una data fondamentale e imprescindibile e che per la Città di Frascati ha un alto valore civile dato il sacrificio di tanti cittadini.
«È di fondamentale importanza celebrare il 25 Aprile del 1945, per trasmettere alle nuove generazioni di italiani, a quanti lo sono diventati e a quanti aspirano a diventarlo, i valori fondativi della Repubblica Italiana, i sacrifici affrontati dai nostri padri, gli atti di eroismo, come quelli di martirio – dichiara il Sindaco di Frascati Alessandro Spalletta -. E la gioia naturalmente della libertà ritrovata. La parola “liberazione”, che si accompagna alla parola “resistenza”, ha confini ampi e 70 anni fa per gli italiani aveva un significato ben preciso: scrollarsi di dosso il giogo dell’oppressione nazi-fascista e della dittatura. Oggi per tanti italiani significa invece liberazione dalla povertà, dalla mancanza di lavoro, dall’impossibilità di vivere con dignità la propria vita. Ma anche liberazione dalla corruzione, che per anni ha messo a dura prova tanti onesti imprenditori. E ampliando i confini nazionali significa anche liberazione dalle schiavitù del Terzo Millennio, che approfittano di guerre e carestie per organizzare e lucrare sulle rotte dei migranti».
Il programma delle celebrazioni del 70° Anniversario si aprirà venerdì alle ore 17 nella Sala degli Specchi di Palazzo Marconi con la presentazione del libro di Italo Arcuri «Il corpo di Matteotti», promosso in collaborazione con l’Associazione Frascati Poesia, introdotto dalla Consigliera delegata alla Cultura e al Turismo Francesca Neroni.
Sabato 25 aprile alle ore 10 nella Basilica Cattedrale di San Pietro Apostolo si terrà la Santa Messa, che sarà officiata da S. E. Mons. Raffaello Martinelli, Vescovo di Frascati. Al termine della funzione il corteo istituzionale con le autorità civili, militari e dell’associazionismo procederà per le principali vie e piazze del centro storico, accompagnato dal Classico Concerto Bandistico “Città di Frascati”, diretto dal Maestro Giuseppe Cimini, terminando al Monumento ai Caduti di Piazza Marconi, dove sarà deposta una corona