NETTUNO, CALCIO JUNIORES: LA VIRTUS BATTE IL CRETAROSSA 0-4 NEL DERBY

Si inizia subito con un grandissimo ritmo. Dopo 4 minuti, arrembante la Virtus con la punizione battuta veloce per Venti, Di Federico però esce tempestivo e salva. Dall’altro lato, corner per l’Aerklima, arriva veemente Scarnato, in terzo tempo, a tentare la deviazione vincente ma c’è il miracolo di Benedetti a proteggere la porta. L’Aerklima ha ancora una buona occasione con Moutaatif, con la conclusione da fuori area che finisce di poco a lato. A passare in vantaggio, però, al quarto d’ora è la Virtus, con una ripartenza da manuale che culmina con il cross di Massimi al centro; il servizio sembra troppo lungo per Venti, che però non butta via niente ed inventa un goal pazzesco, in mezzo esterno destro da posizione defilatissima. Chapeau per Nicholas Venti che porta in vantaggio la Virtus Nettuno. 

Sembra chiaro da subito chi sarà l’uomo del match: al 35’ non bene la difesa giallonera a centro area, benissimo lo scambio Nardini-Venti con Di Federico, come un gatto, a chiudere lo specchio. Dal calcio d’angolo seguente, battuto da Venti, il pallone messo fuori dalla difesa raggiunge Marco Lauri, che scarica il sinistro di prima intenzione e la palla termina nuovamente in rete. La Virtus trova il raddoppio, ma non si arrende l’Aerklima, che ci prova con il suo uomo migliore, Scarnato: da fuori area bella la sterzata a mandare fuori tempo i marcatori, sinistro intelligente per sorprendere il portiere ma la palla finisce di un soffio a lato. Tutto si complica però , per i padroni di casa: doppio giallo a Moutaarif, e squadra in dieci. 

Nel secondo tempo è quindi più difficile arginare la Virtus: al nono Lauri va a puntare dall’out sinistro, il cross è poi di Mauro ma sorvola tutta l’area, non raccolto da nessuno; c’è però “Re Mida” Venti, che attende il rimbalzo, calcia poi di mezzo esterno sul secondo palo e trova un altro bellissimo goal, quasi ad oscurare il primo: 3-0 Virtus. 

La squadra di Aquilani può poi dilagare: ci prova Mauro, ottima parata del portiere; dal lato opposto Scarnato, l’ultimo a mollare, conquista palla e poi la serve ottimamente a Brunetti, che fa a sportellate e poi trova il grande intervento di Benedetti. Dopo pochi minuti va fuori anche Romanazzi, rosso diretto per un calcione di stizza. La Virtus ha altre occasioni: al 27’ con Tikot, ma Di Federico si distende bene, e poi al 36’ con Venti, che manco a dirlo, capitalizza, questa volta di tap-in, realizzando il 4-0 e la sua tripletta personale. Gli ultimi dieci minuti raccontano poco altro, ma in un derby con tanti bei goal e spettacolo è sicuramente un bell’accontentarsi.