SEZZE, UCCIDE IL FRATELLO CON UN’ASCIA PER DEI VECCHI RANCORI

I due sono venuti alle mani ieri pomeriggio, Luciano ha ferito Gianni con uno zoccolo ma è stato raggiunto da alcune coltellate e soprattutto da un colpo d’ascia alla testa. E’ fuggito con la sua auto ma ha perso i sensi dopo aver attirato l’attenzione di alcuni passanti: a nulla sono serviti l’arrivo di un’ambulanza e di un elicottero, il 51enne è morto per le gravi ferite riportate. Prima di spirare, però, ha pronunciato il nome dell’assassino. Suo fratello, ora in carcere con l’accusa di omicidio volontario.