ROMA, LA POLIZIA HA ARRESTATO L’AUTORE DI NUMEROSI FURTI PRESSO L’UNIVERSITA’ “LA SAPIENZA” E IL POLICLINICO “UMBERTO I”

0
43

A permettere la sua individuazione sono state le indagini condotte dagli agenti del Commissariato Università congiuntamente con la Squadra Mobile della Questura di Roma.
L’uomo è stato ritenuto responsabile di 13 gli episodi di furto tra dicembre 2014 e agosto 2015. I furti avvenivano prevalentemente negli orari di chiusura dei dipartimenti o delle cliniche mediche, quasi sempre nei fine settimana per sfruttare l’assenza dei dipendenti e approfittare del fatto che si scoprisse dell’accaduto non prima del lunedì mattina.
Significativo è stato il furto dello scorso primo maggio, quando, dopo essere entrato all’interno della Facoltà di Lettere dell’Ateneo ed aver letteralmente abbattuto circa 20 porte d’ingresso di altrettante stanze, l’uomo aveva trafugato diversi computer ed altri oggetti informatici.
Questo “modus operandi”, ha causato anche un danno erariale non inferiore ai 500.000 euro. Quanto rubato durante le azioni criminose infatti (personal computer, hard disk di memoria, macchine fotografiche digitali, obiettivi particolarmente sensibili) non rappresentano soltanto un mero valore economico, pur sempre consistente, ma rappresentano soprattutto un disagio per professori, studenti, ricercatori, pazienti o per i medici che ne facevano uso, con costi rilevanti per la Pubblica Amministrazione.
Una volta entrato all’interno degli edifici oggetto dei furti, il 34enne, in molte circostanze, per poter accedere nelle stanze chiuse dei docenti e dei medici, “abbatteva” letteralmente le porte, probabilmente con calci, pugni oppure utilizzando strumenti atti allo scasso, rendendole inutilizzabili, trafugando il materiale informatico ed elettronico, trovato, oltre ad alcuni effetti personali eventualmente lasciati all’interno della stanza.
Dall’attenta analisi delle immagini registrate dal sistema di video sorveglianza della città universitaria e del Policlinico si è individuato l’uomo durante la sua attività criminale nelle ore notturne. Gli agenti sono riusciti ad identificarlo in SANNUCCI Domenico Antonio, giovane disoccupato originario della provincia di Matera ed a Roma senza una dimora stabile. Grazie all’attività tecnica associata ad accertamenti informatici e servizi di appostamento in strada, dopo averlo già tratto in arresto in flagranza di reato sia lo scorso 9 luglio che il 18 agosto, l’uomo, al termine degli accertamenti di rito, è stato accompagnato nel carcere di Regina Coeli.