APRILIA, CALCIO, IL CAMPOVERDE DILAGA ED E’ SEMPRE PRIMO

0
75

Una supremazia che va però legittimata domenica dopo domenica, e questa domenica il calendario prospettava, come avversario, l’ostica Nuova Virtus di Santamaita, a sua volta alla ricerca della propria dimensione. Presto detto: il primo tempo è bloccato, i gialloverdi non riescono ad andare a dama imbrigliati nell’organizzazione e nello spirito di gruppo della Nuova Virtus, che non disdegna di creare anche pericoli con i terribili Massara e Massullo. L’episodio capace di rompere l’equilibrio è contestatissimo, il goal-non goal a firma di Venturini di cui si potrebbe discutere fino alla fine dei giorni. La prospettiva non aiuta, anche chi si trovava lì a due passi qualche dubbio ce l’avrà avuto. Non l’arbitro, che ha subito indicato il centrocampo prima cacciare il portiere Della Luna. Da qui, vita molto più facile per il Campoverde che non ci ha messo moltissimo a prendere il largo, fino a chiudere sul 3-0. Indicazioni: per il Campoverde sono sette, quasi un quarto del campionato è stato già trascorso solo vincendo e gli altri tre non danno l’impressione di essere destinati a differire drasticamente. La Nuova Virtus cercava invece risposte dalla sfida di prim’ordine: il 3-0 non inganni, perché c’è sconfitta e sconfitta.
Primo tempo piuttosto bloccato. Gli ospiti squillano per primi con Massara, che fiuta il disimpegno sbagliato della difesa di casa, e scarica il pallone sopra la traversa. Il Campoverde risponde da corner messo dentro da Cardoni, sul pallone che esce dall’area si fionda Rubino, il tiro è però centrale. Ancora gialloverdi in avanti, al decimo, con la sponda di Cardoni per Gallotti, che fa scudo, la palla quindi sfila e chiama la conclusione di Belluzzo, arrivato dalle retrovie, ma il terzino spara alto. In ripartenza è pericolosa anche la Nuova Virtus, con ottimo il corridoio che Massara trova per la corsa di Massullo: il dieci prova la soluzione angolata ma Pasquino smanaccia e la difesa completa l’opera. Siamo al quarto d’ora: Simone scodella dentro l’area a cercare Gallotti, che arpiona la sfera e va poi a girarsi per il mancino, il pallone sorvola la traversa.
Prima dell’intervallo altra occasione per il Campoverde, con il cross a rientrare per l’inserimento di Razza, ma ostacolato da Celani l’attaccante non riesce a concludere.
Serve qualcosa in più al Campoverde per fare breccia fra le solide linee di Santamaita. Una grande chance arriva già al primo della ripresa, con il colpo di testa di Ranieri che crea grattacapi, ma Della Luna è reattivo e si salva.
Al 12’ l’episodio contestatissimo che apre il match: angolo dalla sinistra, il tocco di Venturini verso la rete e la difesa prova a salvarsi in extremis; l’arbitro vede la palla varcare la linea e convalida il goal. Campoverde in vantaggio e accese proteste degli ospiti, tra le quali quelle di Della Luna che viene anche espulso dal direttore di gara.
Cambia la storia della partita per la Nuova Virtus, che in dieci soffre le folate del team di Antonelli. Dopo un’ora di gioco Cardoni sfila il pallone al marcatore e cerca l’angolo lontano, palla fuori non di molto. Dieci minuti dopo, il raddoppio: Razza sventaglia verso Rubino, sponda di ritorno per l’esterno al volo di Cardoni ed è goal. Tutta di prima la bellissima azione del 2-0 del Campoverde, che vede la settima vittoria consecutiva. Massullo, l’ultimo a mollare, si produce però poco dopo in una gran bordata, ed è Pasquino stavolta a volare d’istinto per neutralizzare il coraggioso tentativo.
Nei minuti finali, la bella punizione di Sandi chiama agli straordinari Tolba, gran parata dell’estremo difensore che non fa rimpiangere l’espulso Della Luna. Nel recupero però Belluzzo spedisce al centro un pallone rasoterra, non lo trova Razza ma ci riesce Sandi, che calcia al volo e senza pensarci, trovando un angolo imprendibile per Tolba. Rete del 3-0 che chiude il match: il Campoverde vince ancora e cala il Settebello: 21 punti e dominio sempre più assoluto. La Nuova Virtus esce sconfitta ma non ridimensionata al cospetto della prima in classifica.