CORI, DUE GIORNI DI FESTA PER IL GEMLLAGGIO TRA SLOW FOOD CORI-GIULIANELLO E VAL DI VARA-SPEZIA

0
111

Sabato 21 Novembre gli ospiti sono accolti nel pomeriggio con una visita della città e poi della cantina Cincinnato, dove è stato proiettato il documentario sulle Comunità del Cibo della Val di Vara realizzato nel 2010 prima dell’alluvione. A seguire il laboratorio sullo zafferano di Cori, a cura del produttore Quinto Marafini, inserito tra gli ingredienti della successiva cena a base di prodotti tipici locali. Domenica 22 Novembre invece, la mattinata è stata trascorsa nella suggestiva struttura del frantoio Oscar di Rocca Massima ove si è potuto assistere al paziente e profumato rito della spremitura delle olive sotto le grandi macine di granito che trasformano le drupe in oro verde. Pranzo finale a Giulianello, all’Osteria del Contadino, sempre con menù legato alle radici enogastronomiche autoctone. La ’Comunità del Cibo delle Cicoriare di Giulianello’ e la ’Comunità del Cibo dei Raccoglitori delle erbe tradizionali della Provincia Spezzina’ condividono l’impegno nella promozione e diffusione della capacità di riconoscere ed utilizzare le diverse varietà di erbe spontanee commestibili, fino a pochi decenni fa sostentamento anche economico di intere famiglie, preservando la tradizione del loro utilizzo in cucina e del loro impiego per usi medicamentosi. Le Comunità del Cibo Slow Food sono i nodi della Rete di Terra Madre, costituite da persone fortemente legate al territorio, che producono, trasformano e distribuiscono cibo di qualità in maniera sostenibile, in armonia con la natura e il paesaggio, ma anche con la storia e la cultura del contesto sociale, e prestando particolare attenzione a quelle varietà vegetali e specie animali che per secoli hanno permesso di preservare la fertilità della terra.