CIVITAVECCHIA, CALCIO, L’ASTREA SUPERA LA CPC

0
60

Fa riflesso una buona ripresa da parte dei portuali avvenuta con l’innesto di Franceschi e lo spostamento di Poggi nelle retrovie, ma non basta a segnare la prima marcatura del torneo. Tre gol su palla inattiva e un rigore sbagliato da parte dei locali danno la giusta prospettiva di una gara che poteva essere interpretata in maniera diversa, ma dove ha prevalso la maggiore esperienza degli avanti romani, l’assenza di due giocatori fondamentali per la squadra portuale e il fatto di non tramutare in reti le occasioni avute. Le note positive vanno ricercate nella consapevolezza che tutto è ancora in ballo, e che mercoledi seppur non si punti alla coppa si torna di nuovo in campo per la gara contro la Valle del Tevere.
Al 5’ l’ Astrea è già in vantaggio: calcio d’angolo che sugli sviluppi Di Iorio di testa insacca alle spalle di Chessa per l’ 1-0. La compagine romana macina gioco e 16’ Giuntoli sul filo del fuorigioco si trova a tu per tu con la retroguardia portuale, ma recupera Caforio che si oppone alla conclusione. La CPC 2005 reagisce e la prima occasione per la squadra di Castagnari è al 20’ con Bevilacqua, che tira piazzando la palla all’angolo basso ma che si spegne di poco a lato. Un minuto dopo Ruggero recupera palla sulla tre-quarti, va in fuga e scaglia un tiro dal limite che si alza di poco sopra la traversa difesa da Placidi. L’Astrea non demorde e al 25’ su di un cross dalla loro sinistra d’attacco Giuntoli, dal dischetto del rigore, gira di testa di poco fuori. E’ il preludio al raddoppio che avviene al 27’, ancora da calcio d’angolo e con Giuntoli che lasciato solo nell’area piccola di testa insacca il 2-0. Si va a riposo e Castagnari qualcosa cambia, inserendo l’esterno alto Franceschi e retrocedendo Poggi sulla linea difensiva. Non ostante questo l’Astrea ha la possibilità di chiudere la gara al 5’ su calcio di rigore, ma con Di Iorio che tira sul palo. La partita scema un po sul piano delle occasioni ma con una buona intensità, e al 21’ Loiseaux su una palla sporca in mezzo all’area tira fuori di poco. Al 68’ si chiude il match, Boriello a terra appena fuori dall’area di rigore per una botta in testa, l’arbitro fa continuare e Ciolli insacca in mischia alle spalle di Chessa. Da segnalare l’occasione avuta da Loiseaux: 28’ Ruggero per Galli che la crossa al centro dell’area e Loiseaux a porta completamente sguarnita, e a pochi centrimetri dalla linea di porta, la manda fuori.