LAZIO, CALCIO, VIRTUS FENICE – VIRTUS CIAMPINO: LA CRONACA

Tutto facile per la Virtus Ciampino, anche più del previsto, contro una Fenice rivoluzionata in estate, che ha cambiato pelle in campo e fuori.
Al Pala Gems, Calabria ritrova i suoi bomber De Luca e Segarelli, fuori entrambe per infortunio nella prima giornata di campionato ed è proprio quest’ultima, scesa in campo insieme a D’Errigo, Cavariani, Mogavero e Verrelli, a regalare, dopo la prima occasione targata Fenice che Mellal manda fuori, due assist non concretizzati però da Verrelli.
Come una fotocopia della scorsa settimana, la Virtus colleziona occasioni su occasioni che puntualmente fallisce. Al 7° Amici intercetta la palla destinata a De Luna sul secondo palo, al 9° De Luca cerca il palo più lontano da posizione defilata, ma la sua conclusione finisce di poco a lato. Ancora, due minuti dopo, sempre la numero 9 giallorossa viene stoppata da un salvataggio sulla linea ad Amici ormai battuta.
Scacciando lo spettro di un’altra giornata sfortunata, è Segarelli a portare in vantaggio la Virtus dopo lo scambio con Cavariani, esempio che segue immediatamente Verrelli con una gran conclusione sotto l’incrocio dei pali per il 2-0 giallorosso.
Un altro intervento sulla linea di porta salva la Fenice, D’Errigo difende l’inviolabilità della propria a 48 secondi dal suono della sirena, mentre De Luca non perdona l’uscita a vuoto di Amici e manda tutti negli spogliatoi sul rassicurante parziale di 3-0 per la Virtus Ciampino.
Il secondo tempo si apre con l’autogol di Mellal, l’occasione di Cavariani e la parata di Amici su conclusione di Pisello. Le giallorosse calano di intensità e concedono qualche spazio di cui però la Fenice non approfitta, è anzi ancora la Virtus ad aggiornare lo score della partita con la rete, che vale doppietta, di una incontenibile Segarelli, a cui il campo deve evidentemente essere mancato molto.
Gli ultimi minuti scorrono solo per le statistiche con l’ingresso in campo di Belfiore per D’Errigo, la rete di De Luna servita da Mogavero, quella della bandiera della Virtus Fenice ed infine il sigillo di Pisello che certifica la superiorità della squadra di mister Calabria, soprattutto da un punto di vista tattico, con un 7-1 che non ammette repliche.
Si torna in campo domenica prossima, al PalaTarquini le padroni di casa ospiteranno la Coppa d’Oro, un vecchio avversario tutto da scoprire.

Fonte: Ufficio Stampa Virtus Ciampino