POMEZIA, SCIOPERO DIPENDENTI SCUOLABUS: POCA SICUREZZA E STIPENDI ARRETRATI

Problematiche che purtroppo per i lavoratori non sono nuove e che gli stessi hanno evidenziato più e più volte nel corso degli ultimi anni. “Il mezzo è vecchio, dotato di gomme lisce e completamente prive di battistrada. Inoltre è sprovvisto di cinture di sicurezza e di braccioli che impediscano lo spostamento dei bambini, alcuni piccolissimi, dal sedile sul quale sono seduti”. Questo quanto evidenziato da uno dei dipendenti con una lettera rivolta all’Ufficio Trasporti del Comune di Pomezia. Ma le testimonianze simili sono tante e autisti e assistenti sono quindi scesi in piazza per protestare. “Ormai sono anni che cerchiamo di portare all’attenzione di chi di dovere sempre gli stessi problemi ha dichiarato un’altra dipendente – Oltre ad essere ancora in attesa del pagamento degli stipendi di febbraio e, tra poco anche di quello di marzo, le condizioni dei mezzi sui quali lavoriamo non sono idonee al servizio da dover svolgere. In alcuni casi parliamo addirittura di infiltrazioni di acqua all’interno delle vetture e di difficoltà a raggiungere alcuni plessi scolastici con pullman di 12 metri che non riescono a percorrere strade troppo strette. In questo modo siamo noi a dover percorrere, seguiti dai bambini, lunghi tratti di strada in una via non in sicurezza e a doppio senso di marcia. Per questo abbiamo scioperato: per chiedere una puntuale retribuzione e maggiore sicurezza per noi e per i bambini. Aggiungo inoltre – conclude una delle assistenti – chedurante le ore di sciopero siamo state sostituite, su diverse linee, da personale non idoneo a coprire il servizio.”