ROCCA PRIORA, TOPO D’APPARTAMENTO INCHIODATO DAL DNA

La svolta sul caso è avvenuta durante il primo sopralluogo durante il quale i militari dell’Arma hanno repertato un mozzicone di sigaretta rinvenuto sul pavimento dell’appartamento. I Carabinieri del R.I.S. di Roma sono riusciti quindi a rilevare delle tracce biologiche da cui è stato possibile isolare un DNA che è risultato combaciante con quello del 37enne, già schedato nella banca dati delle forze dell’ordine. L’uomo è stato accompagnato presso il carcere di Velletri.