LADISPOLI, GRANDO: “CERRETO, RECUPERIAMO UN QUARTIERE LASCIATO ALL’INCURIA”

Quello che doveva essere un consorzio virtuoso è invece oggi un luogo in cui le strade sono in condizioni disastrose, le aree verdi abbandonate e indisponibili per i cittadini e la metanizzazione è ancora lontana dal concretizzarsi. Non è più possibile continuare ad affidare alla buona volontà dei cittadini la cura e la pulizia degli spazi verdi e sperare, allo stesso tempo, nella loro tolleranza nel sopportare i tanti disservizi. Una situazione figlia dell’incapacità e dell’approssimazione di chi ci ha amministrato, politici che hanno navigato a vista senza una vera programmazione e rivolgendo i propri interessi sempre e soltanto verso l’aspetto edilizio. Per quanto ci riguarda, nella realizzazione di qualsiasi opera pubblica, pensiamo si debba utilizzare un metodo più affidabile, che passa attraverso l’assegnazione delle priorità, la ricerca dei fondi, la progettazione e l’attivazione dei cantieri, informando costantemente i cittadini sullo stato delle nostre attività affinché sappiano come stiamo lavorando, come vengono spesi i soldi pubblici e quando le opere attese verranno completate. In quest’ottica per il quartiere Cerreto, così come per gli altri quartieri, abbiamo individuato quelle che saranno le priorità di intervento della nostra amministrazione: • Rifacimento del manto stradale a partire dalle vie più deteriorate: ad esempio via Atene, via Parigi, via Copenaghen, viale Mediterraneo ed altre; • Riqualificazione delle aree verdi, preceduta da un accertamento/verifica della loro consistenza e proprieta`, portando a compimento l’iter di acquisizione al patrimonio comunale; • Metanizzazione del quartiere: non è più tollerabile, a distanza di oltre vent’anni, che le famiglie siano costrette a spendere cifre esorbitanti per il riscaldamento delle proprie abitazioni. Questo è ciò che è indispensabile fare e che chi ci ha amministrato fino ad oggi ha completamente trascurato. Ma non vorremmo che in questa delicata fase di vita cittadina, come sempre avviene durante le campagne elettorali, al Cerreto improvvisamente comparissero mezzi e ditte pronti a dare una rattoppata al manto stradale, perché sarebbe l’ennesima dimostrazione del fatto che, certi personaggi, di certo non sono dei buoni amministratori ma sono fenomenali quando si tratta di prendere in giro i cittadini”.