Cerveteri, in pieno centro prende fuoco un vecchio deposito

Cerveteri – In pieno centro, ieri pomeriggio, dove la via Settevene  Palo si divarica in Largo Almuneacar, da uno stabile adiacente al famosissimo bar Marzoli, dalla parte interna che da su via Dei Prati, si nota del fumo che non fa pensare a niente di buono. In effetti, in un vecchio magazzino sottostante si sviluppa un incendio che mette in pericolo l’intero caseggiato. Chi lo vede per primo e per primo si rende conto del pericolo? Alessio Pascucci che come si sa in questo periodo gira come una trottola impegnato come è a coprire ogni incontro che gli chiede la campagna elettorale in corso, che era in compagnia di un volontario Assovoce in borghese. I primi ad accorgersi del fatto sono stati infatti i componenti di una pattuglia di detti volontari in perlustrazione antincendio boschivo. Questi chiesta l’autorizzazione alla centrale operativa della Regione, sono intervenuti e con il Pik di servizio attrezzato hanno cominciato a spegnere l’incendio. Intanto il sindaco Pascucci, comincia a citofonare a tutti i campanelli per avvertire gli abitanti dello stabile minacciato ma non riceve risposte. Aiutato allora da due giovani che passavano di là sfonda il portone e suonano alle porte degli appartamenti. Riescono ad avvertire e a fare evacuare dallo stabile una persona che stava sotto la doccia. Nel mentre accorrono i Carabinieri, la Polizia Locale, i Vigili del fuoco e a supporto un’ambulanza del 118 che ha prestato assistenza ad una proprietaria dello stabile che si era sentita male. Nessun danno alle persone. Danneggiato un magazzino di bevande, disagi al traffico in quel tratto sempre intenso ed il sindaco Pascucci “eroe” suo malgrado. (Seapress)
07/06/2017