Ardea, ufficiali le preferenze dei singoli consiglieri: simulato il consiglio in caso di vittoria al ballottaggio di entrambi i candidati

0
39

Ardea – Sandro Caratelli del Movimento 5 Stelle è il candidato consigliere più votato tra tutti quelli che hanno preso parte alla tornata elettorale di domenica 11 giugno. 618 le preferenze guadagnate dal grillino, seguito dai due esponenti di Ardea Futura (coalizione per Cugini Sindaco) Luana Ludovici (548 voti) e Fabrizio Salvitti (519 voti). Una certezza l’ex consigliere di maggioranza Franco Marcucci che nella lista “Con La Gente per Ardea” ha ottenuto ben 474 preferenze. Bene anche Riccardo Iotti con “Cuori Italiani per Ardea” (474 voti). Cifre di rilievo anche per le due pentastellate Debora Duranti (468 voti) e Anna Maria Tarantino (455 voti). Tra i più votati anche l’altro candidato di “Ardea Futura” Alessandro Mari che ha portato a casa 429 preferenze. Dopo oltre 40 ore di attesa sono dunque usciti tutti i numeri ufficiali delle amministrative rutule, che ricordiamo vedranno sfidarsi a ballottaggio Alfredo Cugini (38,94%), con la sua coalizione formata da sette liste e Mario Savarese (32,40%) del M5S. Interessante analizzare qualche numero, per meglio capire come potrebbe essere composto il prossimo consiglio comunale in caso di vittoria dell’uno o dell’altro candidato. Queste le liste più votate: 5817 voti per M5S (31,5%), 1860 voti “Con la Gente per Ardea Cugini Sindaco” (10%), 1708 voti per “Ardea Futura” (9,2%), 1509 voti per “Cuori Italiani per Ardea” (8,17%), 1239 voti a “Fratelli D’Italia AN Massimiliano Giordani Sindaco” (6,7%), 1133 voti per Luca Fanco Sindaco “Movimento Mauro Porcelli per Ardea” (6,1%). Ciò che bisogna capire è cosa faranno i sei candidati sindaco esclusi dal ballottaggio. Massimiliano Giordani, Alessandra Cantore, Luca Fanco, Luca Vita, Monica Fasoli e Barbara Tamanti hanno complessivamente ottenuto 5402 voti. Un tesoretto importante qualora l’affluenza di elettori (in netto calo rispetto alle amministrative del 2012) dovesse confermarsi anche il prossimo 25 giugno. Lecito è aspettarsi che il dato dei votanti sarà al ribasso di qualche punto percentuale rispetto al primo turno, come quasi sempre accade in questi casi di ritorno alle urne a stretto giro di posta. Utilizzando il metodo proporzionale (d’Hondt) abbiamo provato a simulare la composizione del consiglio comunale.

Qualora dovesse vincere Alfredo Cugini i suoi 15 consiglieri di maggioranza saranno così suddivisi:

“Con la Gente per Ardea”: 4 – Marcucci, Edelvais Ludovici, Petrella, Marcella Mancini.
“Ardea Futura”: 4 – Luana Ludovici, Fabrizio Salvitti, Alessandro Mari, Alessia Di Mario.
“Cuori Italiani”: 3 – Riccardo Iotti, Alberto Montesi, Maurizio Cremonini.
“Patto per Ardea”: 2 – Fabrizio Acquarelli, Raffaella Neocliti.
“Ardea Democratica”: 2 – Giancarlo Rossi, Enrico Cacciotti.

L’opposizione sarebbe così composta:

Mario Savarese (candidato sindaco M5S sconfitto al ballottaggio).
M5S: 5 – Sandro Caratelli, Debora Duranti, Anna Maria Tarantino, Luca Costabile, Roberta Virgili.
Alessandra Cantore, Massimiliano Giordani e Luca Fanco in qualità di Candidati Sindaco rappresentanti unici delle loro liste che non sono entrate nel ballottaggio.

Diversamente, se a vincere fosse invece il Movimento 5 Stelle, con Mario Savarese in qualità di Sindaco, la maggioranza sarebbe interamente composta dai pentastellati.

Più complicato il calcolo della minoranza che dovrebbe esser così composta:

Alfredo Cugini (candidato sconfitto al ballottaggio).
“Con la Gente per Ardea” Cugini Sindaco: 2 – Franco Marcucci, Edelvais Ludovici.
“Ardea Futura” Cugini Sindaco: 1 – Luana Ludovici.
“Cuori Italiani per Ardea” Cugini Sindaco: 1 – Riccardo Iotti.
“Patto per Ardea” Cugini Sindaco: 1 – Fabrizio Acquarelli.
E infine, come nel caso riportato in precedenza, i candidati sindaco Alessandra Cantore, Massimiliano Giordani e Luca Fanco.

Per decidere il prossimo sindaco di Ardea dobbiamo dunque aspettare altri 12 intensi giorni, scanditi da una serrata campagna elettorale e magari da qualche alleanza tra le forze politiche in campo.