Sicurezza e decoro, il Comune di Pomezia vieta il bivacco nelle piazze e nei giardini pubblici

Il Sindaco di Pomezia Fabio Fucci ha firmato l’ordinanza che vieta il “bivacco in tutto il centro abitato e nelle aree a frequentazione pubblica e il divieto di consumare bevande alcoliche, al di fuori delle aree pertinenziali dei pubblici esercizi regolarmente autorizzati, nonché il divieto di detenere o utilizzare strumenti idonei all’imbrattamento di immobili e arredi urbani”.
L’ordinanza arriva a seguito di numerose segnalazioni da parte della cittadinanza che ha denunciato gruppi di persone all’interno di giardini pubblici e piazze che bivaccano, consumavano bevande alcoliche, disseminavano rifiuti, importunavano i passanti, imbrattavano muri e arredi urbani, mettevano in atto comportamenti contrari al decoro e alla pubblica decenza creando difficoltà alla libera fruizione degli spazi pubblici e alla vivibilità urbana.
L’ordinanza prevede per i trasgressori: qualora il fatto illecito non sia già punito da altra norma di legge, il pagamento di una somma pari ad euro 150,00 così come previsto all’art. 6 comma 1 lett. K del vigente regolamento di Polizia Urbana, a titolo di sanzione amministrativa pecuniaria e con le modalità stabilite dalla legge 24/11/1981, n. 689; in caso di recidiva, la sanzione è raddoppiata; il trasgressore è comunque tenuto al ripristino dello stato dei luoghi a propria cura e spese; salvo che il fatto costituisca reato, ai sensi dell’art.13, comma 2 e art. 20 della legge 24/11/1981, n. 689 è disposto altresì, previa diffida, il sequestro cautelare e la confisca dei mezzi utilizzati per commettere la violazione. Il sequestro e la confisca sono disposti secondo le procedure previste dal D.P.R 29/7/1982, n 571, con oneri e spese a carico del trasgressore e, se individuato, del proprietario responsabile in solido. L’organo accertatore, contestualmente alla contestazione della condotta illecita, può disporre l’allontanamento del trasgressore, cosi come prescritto dagli artt. 9 e 10 del D.L. 20/2/2017, n. 14, dandone informativa al Settore Servizi Sociali e all’Autorità di Pubblica Sicurezza ove ne ricorrano le condizioni.
“E’ necessario intervenire a tutela della sicurezza dei cittadini e del decoro urbano – ha spiegato il Sindaco Fabio Fucci – La nuova normativa in materia di sicurezza delle Città (D.L. 20/2/2017, n. 14, ndr) consente al Sindaco di adottare misure urgenti per contrastare il degrado e tutelare la tranquillità dei cittadini, incluso il cosiddetto DASPO urbano, che dispone l’allontanamento dei soggetti che impediscono la libera fruizione dei luoghi pubblici e la serena vivibilità urbana. Negli ultimi tempi sono aumentati gli episodi di disturbo alla cittadinanza e gli atti contro il decoro urbano nelle piazze e nei giardini pubblici di Torvaianica, Pomezia e Santa Palomba: con questa ordinanza vogliamo tutelare i nostri concittadini e gli spazi comuni della nostra Città”.