Detenzione illegale di stupefacenti e spaccio: diversi arresti e denunce nelle province romane

San Cesareo – Dopo alcuni servizi di monitoraggio delle aree agricole isolate, i Carabinieri della Compagnia di Palestrina hanno arrestato un 57enne originario di Zagarolo, da tempo residente a San Cesareo e già conosciuto alle forze dell’ordine, con l’accusa di coltivazione e detenzione illegale di sostanze stupefacenti, destinate poi allo spaccio.
L’uomo è stato sorpreso dai Carabinieri mentre si stava premurosamente occupando di una rigogliosa piantagione di cannabis indica in fiore, coltivata nel suo orto tra pomodori e piante di frutta.
La successiva perquisizione della sua villetta ha consentito ai militari di sequestrare anche alcuni proiettili cal. 9 “Parabellum” e cal. 375 “Magnum” e reperti di interesse archeologico, tra cui parti di vasi in terracotta, colli di anfore, frammenti di bronzo e parti di fibule risalenti ad un periodo storico che va dal VI sec. a.C. al I sec. d.C.
Il 57enne, che dovrà rispondere anche di detenzione di munizioni per arma comune e arma da guerra e di ricettazione di reperti archeologici, è stato trattenuto in caserma, dove rimane a disposizione dell’A.G. di Tivoli per il rito direttissimo.
Nella provincia di Zagarolo invece, i Carabinieri della Compagnia di Palestrina hanno arrestato un ragazzo per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti dopo essere stato trovato in possesso di 10 g di cocaina, banconote di diverso taglio e materiale per il confezionamento. Nuovamente a Zagarolo, un cittadino polacco è stato, infine, denunciato a piede libero perché trovato con una pianta di marijuana e materiale per il confezionamento.