Troppo chiasso, bimbi picchiati a catechismo

Botte del sacerdote ai bambini del Catechismo e, subito dopo, la sua sospensione da compiti pastorali. E’ un comunicato ufficiale del parroco don Leonardo Bartolomucci ad annunciare la sospensione del religioso responsabile del fatto, don Angelo di 70 anni, avvenuto sotto gli occhi di alcuni genitori increduli.
Teatro della vicenda è la chiesa di Dragona, Santa Maria Regina dei Martiri, della XXVII Prefettura pastorale, che si trova in via Carlo Casini 282. Tutto è successo nel pomeriggio di mercoledì 17 gennaio mentre erano in corso le lezioni di catechismo. Improvvisamente, don Angelo, giunto a ottobre nella parrocchia nel ruolo di viceparroco, ha fatto irruzione nell’aula dove si teneva la lezione e ha iniziato a dare in escandescenza, alzando le mani su alcuni dei bambini.
Ci sono stati momenti di grande tensione, con i genitori che venuti a conoscenza di quanto accaduto, hanno cercato l’anziano prelato senza riuscirvi. E’ stato intervenuto del parroco don Leonardo a fare chiarezza e a prendere le opportune contromisure. La giustizia civile e penale, visto che ci sarebbero denunce da parte di alcuni genitori, farà il suo corso.
“Sono il papà di uno dei bambini che ha preso una “cinquina” da un vigliacco di un prete – scrive uno dei genitori che hanno subito la vicenda – Siamo con i bambini aggrediti al pronto soccorso dell’ospedale Bambin Gesù di Palidoro.
Dopo i referti andremo diretti al commissariato di Ostia a sporgere denuncia. Questo è un fatto decisamente grave, invito tutti i lettori a non riderci sopra per rispetto di questi bambini che sono rimasti abbastanza scioccati. Spero inoltre che il prete sparisca dalla circolazione nel più breve tempo possibile, e non è una minaccia ma un consiglio“.
E, dopo le visite dei medici, aggiunge: “I bambini chi più, chi meno ma stanno tutti abbastanza bene, chi con il collarino chi deve fare un controllo tra qualche giorno in quanto il sacerdote lo ha sbattuto addosso ad un banco facendogli sbattere le costole, di grave grave niente ma resta indelebile negli occhi di questi bambini il gesto”. Sul posto è intervenuta la polizia di stato per identificare il sacerdote autore del gesto.
E’ un comunicato firmato proprio da don Leonardo a annunciare la decisione di sospendere il suo viceparroco assunta d’intesa con il Vescovo. “Don Angelo, di anni settanta, dal mese di ottobre vicario parrocchiale della suddetta parrocchia, con profondo rammarico, chiede perdono ai bambini delle comunioni e al loro catechista verso i quali ha alzato le mani, sotto l’impulso della rabbia fuori controllo, nonché ai genitori, ai parrocchiani e agli altri sacerdoti, scioccati e stupiti dall’increscioso e grave evento, avvenuto oggi 17 gennaio 2018, durante l’ora di catechismo”.
“Pertanto – comunica il parroco, don Leonardo – sentito il parere del Parroco don Leonardo e del Vescovo di Settore, ha accettato: di essere immediatamente rimosso dall’incarico e sospeso dalla pastorale; di farsi visitare e curare dal punto di vista neurologico e psichiatrico; di ritirarsi, in attesa che la giustizia faccia il suo corso, conscio di dover rispondere alle dovute denunce.
Chiedo a tutti di pregare per questi bambini, per le loro famiglie e per il loro catechista, per una pronta ripresa del catechismo in serenità d’animo e consolazione del Signore, con il sostegno di tutti”.
Per dire del clima che si vive nella comunità di fedeli di Dragona, esattamente due anni fa, il 18 gennaio 2016, il parroco don Leonardo fu vittima di atti di vandalismo e diffamazione.
Il religioso quella mattina trovò le quattro ruote della sua auto squarciate e scritte infamanti sui muri del quartiere. (seapress)