Tvs, lavoratori e aziende sul piede di guerra

Civitavecchia – Lavoratori e aziende fornitori della centrale di Tirreno Power sul piede di guerra. Sembrerebbe infatti che senza attendere la scadenza di alcuni contratti in essere, l’azienda elettrica stia per procedere ad una nuova assegnazione degli appalti di fornitura di servizi ad una serie di nuove imprese, alcune delle quali provenienti da altre regioni, a danno di realtà storiche del territorio e dei lavoratori.
Un vero e proprio dramma per le maestranze e per una decina di piccole aziende di Civitavecchia e del comprensorio, alcune delle quali traggono dalle manutenzioni nella centrale la maggior parte del proprio fatturato.
Come al solito sembrerebbe prevalere la logica del massimo sconto, ma questa volta secondo quanto si apprende ci sarebbero forti ribassi addirittura sul costo della manodopera, che arriverebbero fino a superare il minimo delle soglie previste dai CCNL. Poco chiare anche le procedure di gara, più volte modificate da parte dell’azienda appaltatrice. Su questi ed altri aspetti aziende e lavoratori annunciano dure battaglie a difesa del lavoro e della legalità.
(seapress)