L’ironia del Codacons: In prima linea nel difendere i diritti di virus e batteri

"Il Codacons è sempre in prima linea nel difendere i diritti di virus e batteri". Una battuta per liquidare l’intenzione del Codacons di denunciarlo all’Ordine dei medici. E’ così che l’immunologo e divulgatore scientifico Roberto Burioni sceglie di rispondere su Facebook all’associazione dei consumatori capitanata da Carlo Rienzi, che ieri ha annunciato la sua mossa dopo la polemica fra il medico e il ministro dell’Interno Salvini sui vaccini. "Burioni ha superato il segno – scriveva ieri in una nota il presidente del Codacons Rienzi -, e i cittadini non ne possono più delle sue uscite pesanti e contrarie a qualsiasi confronto costruttivo con le famiglie su un tema delicato come le vaccinazioni". "Dopo le accuse odierne contro un ministro della Repubblica Italiana – continuava la nota -, abbiamo deciso di denunciare l’immunologo all’Ordine dei medici, affinché apra un procedimento disciplinare nei suoi confronti alla luce della violenza perpetrata ad un organo collegiale, valutandone la radiazione dall’Albo".