Tutti in auto verso le vacanze: bollino rosso e code sulle autostrade. Ferie on line per 19 mln di cittadini

Weekend da bollino rosso su strade e autostrade di tutta Italia per l’inizio del grande esodo per le vacanze estive. Su tutta la rete è scattato lo stop alla circolazione dei veicoli pesanti che sarà in vigore sabato e domenica. Lungo la A22 del Brennero le condizioni sono particolarmente critiche, con code e rallentamenti che si ripercuotono anche sulle statali del Trentino Alto Adige.
Diverse le situazioni di traffico sostenuto che si segnalano, con particolare riferimento alle direttrici di ingresso dai Paesi esteri confinanti e in uscita dai principali centri urbani.
E’ l’on line a disegnare le vacanze degli italiani. Sono oltre 19 milioni le persone che hanno scelto di evitare l’avventura senza prenotazione, l’affidarsi alla solita agenzia o al tour operator di fiducia. E’ questo il risultato dell’indagine Coldiretti/Ixe’ dalla quale si evidenzia il profondo cambiamento nelle abitudini degli italiani che, sulla base delle indicazioni della rete, più facilmente sono disponibili a cambiare mete e programmi.
Per i 38,5 milioni di italiani in vacanza, quest’anno la rete è dunque la vera protagonista – sottolinea la Coldiretti – nella scelte della destinazione, degli alloggi, dei ristoranti, ma anche delle serate di svago con il boom dei siti specializzati.
Internet – sottolinea la Coldiretti – è entrato nelle abitudini vacanziere degli italiani che per il 32% hanno prenotato da soli sui siti web delle strutture recettive, mentre il 17% si è affidato a siti specializzati lasciandosi guidare anche dai giudizi degli altri ospiti. Tra i tradizionalisti – continua la Coldiretti – il 16% contatta telefonicamente le strutture, il 23% preferisce non prenotare e appena il 12% si rivolge a tour operator o agenzie.
Più della metà degli italiani (57%) che in vacanza mangia abitualmente fuori casa – continua la Coldiretti – verifica i locali sul web e lascia recensioni su ristoranti, agriturismi, pub o pizzerie che frequenta. Un comportamento mirato alla ricerca della qualità ed anche il risparmio in una situazione in cui in Italia oltre 1/3 del budget delle vacanze viene destinato alla tavola per consumare pasti in ristoranti, pizzerie, trattorie o agriturismi, ma anche per cibo di strada o specialità enogastronomiche, Un valore che – precisa la Coldiretti – supera abbondantemente quello per l’alloggio con il cibo che è insieme alla cultura il vero valore aggiunto della vacanza Made in Italy.
La rete è di aiuto anche per la ricerca dei souvenir alimentari ai quali più di quattro italiani su 10 (42%) non rinunciano al rientro dalla vacanza. L’acquisto di prodotti tipici come ricordo delle vacanze è una tendenza in rapido sviluppo favorita – sottolinea la Coldiretti – dal moltiplicarsi delle occasioni di valorizzazione dei prodotti locali che si è verifica nei principali luoghi di villeggiatura, con percorsi enogastronomici, città del gusto, aziende e mercati degli agricoltori di Campagna Amica, feste e sagre di ogni tipo. Appuntamenti che – conclude la Coldiretti – sono spesso segnalati su internet grazie alle comunità locali o a siti specializzati come www.campagnamica.it che guidano i percorsi del viaggio.