Rifiuti, nuovo contratto per il servizio Ama approvato entro il 31 dicembre

0
89

Verrà approvato entro il 31 dicembre il nuovo contratto di servizio fra Ama e Roma Capitale. È quanto emerso nel corso della riunione odierna della Commissione Ambiente convocata dal Presidente Daniele Diaco per fare il punto sullo stato del lavoro sul contratto stesso. Per questo, oltre ai rappresentati dei municipi dispari, erano presenti anche rappresentanti di Ama e della Commissione di controllo sul contratto di servizio. “Il lavoro sul contratto di servizio di Ama prosegue sulle direttive dell’assessore Montanari, che aveva chiesto l’invio di un primo schema contratto entro il 30 giugno. Si tratta di uno schema in progress che verrà finalizzato con il contratto entro il 31 dicembre”, ha sottolineato Laura D’Aprile, presidente della Commissione di controllo sul contratto di servizio. “L’articolato trasmesso all’assessorato – ha precisato – tiene conto delle indicazioni delle linee politiche e tecniche fornite dall’assessorato e dalla direzione tecnica dell’amministrazione capitolina. Ci è stato chiesto una più puntuale descrizione del perimetro dell’attività di Ama per non lasciare zone grigie sulle competenze che potrebbero far luogo a contenziosi”. Inoltre “la direzione tecnica ci ha chiesto di inserire nel perimetro di intervento di Ama anche particolari categorie di aree verdi. Per fare questa operazione ci serve un censimento delle aree verdi che distingua le varie categorie: aree verdi di pregio, aree verdi di valore storico e verde esteso”. Per completare questo lavoro abbiamo chiesto ai municipi gli allegati con gli elenchi delle strade per poter chiudere il lavoro. Ad oggi – ha concluso – non tutti hanno risposto e per altri non c’è la piena conformità rispetto alle informazioni richieste”. In particolare hanno fornito una comunicazione conforme i Municipi III – VII – IX, mentre le comunicazioni dei Municipi XIII e XV non sono conformi alle informazioni richieste. Incomplete le informazioni fornite dal Municipio I mentre i Municipi V e XI hanno sbagliato formato per la loro documentazione. Sempre per accelerare il lavoro anche Ama ha inviato un ulteriore sollecito a tutti i municipi con l’elenco delle strade ed un campo note da valorizzare per consentire la migrazione dei dati. A questo sollecito, per ora, hanno risposto solo i municipi III e IX.