Torna libero Marcello Pittella ex presidente della giunta reginale della Basilicata

0
22

Il presidente della giunta regionale della Basilicata, Marcello Pittella, torna libero. Lo ha deciso il gip di Matera, Angela Rosa Nettis, a seguito di istanza difensiva scaturita dalla chiusura delle indagini preliminari. Per Pittella è stato disposto il divieto di dimora a Potenza. Pittella era ai domiciliari dal 6 luglio nell’ambito dell’inchiesta sulla sanità lucana della Procura di Matera. Con tale provvedimento rimane il nodo di poter svolgere le funzioni di presidente della Regione. Disposta la libertà anche per Pietro Quinto, ex direttore generale della Azienda sanitaria provinciale di Matera, ma con divieto di dimora a Matera.
Figlio dell’ex senatore Domenico Pittella e fratello di Gianni, capogruppo dell’S&D al Parlamento Europeo, nasce a Lauria e si laurea nel 1988 in medicina e chirurgia. Nel 1993 diventa consigliere e assessore alle attività produttive e allo sport del paese natìo per il Partito Socialista Italiano; si dimette da assessore nel luglio 1995 perché eletto nel consiglio della Provincia di Potenza, per la Federazione Laburista; diviene poi capogruppo dei Democratici di Sinistra. Nel 1997 viene riconfermato nel consiglio comunale di Lauria per una lista civica di sinistra e successivamente, nel 1999, nel consiglio provinciale di Potenza, di cui diventa presidente, per i Democratici di Sinistra. Nel 2001 viene eletto sindaco di Lauria con il 66,57% dei voti validi quindi si dimette per incompatibilità dalla presidenza del consiglio provinciale. Il 31 maggio 2005, prima del termine naturale del mandato, lascia l’incarico di sindaco una volta nominato consigliere alle elezioni regionali in Basilicata del 2005 nella lista Uniti nell’Ulivo; la decadenza dalla carica di sindaco non comporterà però il commissariamento del Comune di Lauria poiché il consiglio delega le stesse funzioni al vicesindaco fino alle elezioni che si terranno un anno dopo. Confermato alle regionali del 2010 in rappresentanza del Partito Democratico, nel 2012 viene nominato assessore alle attività produttive nella rinnovata giunta presieduta da Vito De Filippo.
Dopo le dimissioni anticipate di quest’ultimo, presentate il 24 aprile 2013 a seguito delle indagini giudiziarie su diversi consiglieri e assessori accusati di peculato, Marcello Pittella, nonostante il suo coinvolgimento nella vicenda, diviene vicepresidente della Basilicata, si candida alle elezioni primarie il 22 settembre e batte il presidente in carica della Provincia di Potenza Piero Lacorazza (PD), oltre che Nicola Benedetto (CD) e Miko Somma (Comunità lucana – Movimento no oil), diventando così il candidato del centrosinistra per la presidenza alle elezioni regionali del 2013; lascia quindi le cariche regionali di assessore e vicepresidente il 24 settembre 2013. Nella tornata elettorale del 17 e 18 novembre 2013 è eletto presidente della Regione Basilicata con 148 696 voti (59,6%).