Parte la caccia ai trasgressori della differenziata

L’assessore Elena Gubetti: “Ancora troppi gli episodi di abbandono indiscriminato di rifiuti lungo le strade del centro e delle frazioni”

Dopo una lunga fase preventiva è iniziato il conto alla rovescia per l’avvio, dal prossimo 29 ottobre, della fase repressiva contro gli “irriducibili” che non rispettano le regole della differenziata. La caccia agli incivili è aperta e le multe comminate saranno salatissime: fino a 1200 euro per mettere uno stop alla raccolta differenziata fatta male, utilizzando i sacchi neri, non rispettando le regole e i tempi di esposizione dei rifiuti e gettando via i rifiuti in modo indifferenziato. Ricordiamo che in particolare sono i residenti di Marina di Cerveteri a denunciare da tempo sui social, con post e fotografie, lo stato di degrado che impera nella frazione a causa degli incivili che con continuano a disseminare gli angoli delle strade di Cerenova di sacchetti di rifiuti indifferenziati. Il giro di vite da parte dell’amministrazione comunale arriva a quasi due anni dal completamento del progetto di estensione della raccolta ‘porta a porta’ a tutta la città. Con la caccia ai trasgressori, saranno intensificati i controlli e le verifiche sui conferimenti. Differenziare correttamente tutti i rifiuti, riducendone quanto più possibile il volume, utilizzare solo ed esclusivamente i mastelli in dotazione rispettando gli orari e i giorni di esposizione all’esterno delle abitazioni e dei locali commerciali, non abbandonare nessun tipo di rifiuto sul suolo pubblico. Queste le regole principali da seguire per una ottimale raccolta differenziata porta a porta, principi ribaditi anche nell’ordinanza n.83 del 12 ottobre scorso che entrerà in vigore a partire da lunedì prossimo. “Sono ancora troppi gli episodi di abbandono indiscriminato di rifiuti lungo le strade e i comportamenti non corretti di alcuni utenti che si ostinano a non voler rispettare le regole – dichiara l’assessore all’ambiente Elena Gubetti – ci siamo visti costretti, dunque, ad emettere un’ordinanza estremamente restrittiva, con possibilità di elevare sanzioni anche piuttosto salate per i trasgressori. Le multe infatti per chi contravvenga a quanto stabilito nell’ordinanza, pubblicata sul sito del Comune di Cerveteri, vanno da un minimo di 50,00 fino a un massimo di 1.200,00 euro”. Oltre alle questioni più basilari -prosegue Elena Gubetti- come il divieto di abbandonare rifiuti in strada o di utilizzare solo ed esclusivamente i kit appositi, l’ordinanza entra nel dettaglio su ogni tipologia di rifiuto. In particolare per l’organico impone l’utilizzo di sacchetti biodegradabili, per la carta, il cartoncino e la plastica raccomanda di schiacciare con cura i contenitori al fine di ridurne il volume quanto più possibile. “Fondamentale ovviamente, è la collaborazione da parte della cittadinanza – dichiara ancora l’Assessore – ricordo a tutti che abbiamo un servizio che ci consente di avviare correttamente a recupero ogni tipologia di rifiuto. Per farmaci, abiti, olio vegetale e pile esauste ci sono i diversi contenitori dislocati in tutto il territorio, per i rifiuti ingombranti, i RAEE, rifiuti in legno, potature e sfalci verdi, scarti da lavorazioni edili, contenitori di vernici è possibile conferire presso l’Isola Ecologica di via Settevene Palo Nuova, aperta 7 giorni su 7 e con orari sempre flessibili”. L’Ufficio Stampa del Comune ricorda che “Il materiale informativo sulla Raccolta Differenziata è disponibile nella sezione ‘Cerveteri chiama a Raccolta’ di www.comune.cerveteri.rm.it, che è possibile scaricare gratuitamente Junker, un app semplice e gratuita che aiuta a differenziare tutto correttamente oltre a contenere tutte le informazioni dei servizi a disposizione dei cittadini. Inoltre è sempre possibile contattare l’URP – Ufficio Relazioni con il Pubblico allo 0689630220 per ogni tipo di segnalazione”.