Referendum Atac, il si degli iscritti del Pd alla privatizzazione

“Il referendum tra gli iscritti si è svolto in tutti i circoli della cittá dal 19  al 28 ottobre e ha visto una netta affermazione del Sì in tutti e 3             i quesiti proposti

“Oltre 3500 iscritti al Partito Democratico di Roma hanno partecipato al primo referendum interno della storia del PD per scegliere direttamente la posizione ufficiale del partito al referendum dell’11 novembre per la liberalizzazione del trasporto pubblico locale e le azioni necessarie a contrastare l’emergenza rifiuti che il fallimento di Virginia Raggi e del #M5S ha prodotto nella Capitale”.
Lo si legge in una nota di del Partito Democratico di Roma. “Il referendum tra gli iscritti si è svolto in tutti i circoli della cittá dal 19 al 28 ottobre e ha visto una netta affermazione del Sì in tutti e 3 i quesiti proposti: i primi due anticipavano i quesiti su cui tutti i romani saranno chiamati ad esprimersi il prossimo 11 novembre e puntava a definire la posizione del partito insieme ai nostri militanti; il terzo li interrogava circa la necessità di intraprendere una mobilitazione permanente cittadina per la difesa del diritto alla salute dei romani e il decoro e il recupero ambientale dei territori, a partire da quelli più compromessi, attraverso l’incremento della raccolta differenziata e la chiusura del ciclo dei rifiuti. La consultazione ha visto un affermazione del Sì con rispettivamente il 62,33%, il 60,95%, e l’84,42% dei voti espressi”.
“Dopo 11 anni per la prima volta il PD ha chiamato a raccolta tutti i suoi iscritti per votare su una scelta politica e non solo sull’indicazione di nomi. Ringrazio tutte le democratiche e tutti i democratici che hanno creduto in questo appuntamento e lo hanno reso possibile partecipando alla consultazione: di fronte al fallimento di Virginia Raggi in materia di trasporti e rifiuti è indispensabile che il PD assuma su questi temi cruciali posizioni chiare e unitarie frutto di una discussione e decisione collettiva.” Dichiara nella nota Andrea Casu segretario del PD di Roma “Ai danni prodotti a Roma dalla truffa della democrazia diretta da Grillo e Casaleggio vogliamo rispondere coinvolgendo tutti i romani, a partire dai nostri iscritti, nella costruzione dell’alternativa che vogliamo offrire alla città in vista del fondamentale appuntamento referendario del prossimo 11 novembre e oltre”.