Padre e figlio usurai anche dai domiciliari

I Finanzieri del Comando Provinciale Roma hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere – emessa dal Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Velletri – nei confronti di due soggetti residenti nella zona dei ‘Castelli romani’, padre e figlio, già agli arresti domiciliari in quanto responsabili a vario titolo dei reati di associazione per delinquere finalizzata all’usura ed all’esercizio abusivo dell’attività finanziaria, truffa ai danni dell’Inps e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Il provvedimento cautelare è stato adottato sulla scorta delle nuove indagini svolte dai finanzieri del Gruppo Frascati, i quali, attraverso oculate attività investigative, hanno riscontrato che il padre di 74 anni e il figlio di 49 anni, pur trovandosi agli arresti domiciliari, continuavano ad imporre ai soggetti usurati il puntuale pagamento delle ‘rate spettanti’, facendo anche ricorso a minacce ed intimidazioni.