Furti all’oleodotto che rifornisce l’aeroporto intercontinentale di Fiumicino, in manette in cinque

0
97

Arrestate cinque persone, sorprese mentre cercavano di rubare carburante da un oleodotto che rifornisce l’aeroporto di Fiumicino. Non si tratterebbe di un caso isolato, visto che proprio alcuni giorni fa, nel tentativo analogo di rubare carburanti, i ladri avevano innescato un incendio di rilevanti proporzioni nella zona di Pantano.

Cinque persone sono state arrestate dai carabinieri di Ostia al termine di un’indagine sui furti di carburante dagli oleodotti che riforniscono lo scalo aeroportuale di Fiumicino.

L’appostamento dei militari

I militari, appostati fra i terreni incolti vicini all’oleodotto in località Lago di Traiano, utilizzando strumenti di alta precisione per la visione notturna hanno atteso il momento giusto per delineare il modus operandi e il ruolo di ciascun malvivente implicato in quello che non sembra essere un episodio isolato.

I malviventi colti in flagrante

A notte fonda carabinieri hanno visto arrivare al cancello d’ingresso dell’oleodotto cinque uomini di nazionalità romena a bordo di un camion. Forzato il cancello, due di loro sono rimasti a fare il palo, mentre gli altri tre sono entrati e hanno iniziato a prelevare il carburante con una pompa di sollevamento. I carabinieri hanno bloccato i due malviventi all’ingresso, entrando hanno trovato il camion già abbandonato e il carburante già stoccato in diverse cisterne. Il resto della banda è stato bloccato mentre tentava la fuga salendo su un taxi. L’operazione ha permesso di recuperare oltre 1.500 litri di carburante Avio e di sequestrare altre quattro cisterne, con svariate taniche ancora da riempire.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here